IL PRIMO FORUM DEI MILITARI DELLA POLIZIA  E CARABINIERI vacanze, viaggi, mare, montagna, hotel, lastminute, lastsecond, offerte viaggi, voli, alberghi - PERSONALE MILITARE POLIZIOTTI CARABINIERE DONNE E UOMINI SOLDATI  SOLDATESSE MILITARESSE FORZE ARMATE FORZE DI POLIZIA E PUBBLICO IMPIEGO - WWW.MILITARI.INFO - RUOLO VOLONTARI SERGENTI MARESCIALLI UFFICIALI MARINA ESERCITO AERONAUTICA IMPIEGATI IMPIEGATO IMPIEGATE AMICIZIA SESSO SEXY RAGAZZE RAGAZZI DONNA FEMMINILE INCONTRI INCONTRO CASERME BASI BLOG FORUMS

Indice del Forum

 

 

 

.

WWW.MILITARI.INFO
Il Forum delle Forze Armate e Forze di Polizia

 FAQFAQ   CercaCerca   Lista UtentiLista Utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 PHP121Instant Messenger   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

 

Seguici su Facebook Fan - News - Forze armate - Blog militari - Blog polizia
 

Gli avvicendamenti - Il meteo - Le foresterie - Il mercatino

vacanze, viaggi, mare, montagna, hotel, lastminute, lastsecond, offerte viaggi, voli, alberghi amore amicizia incontri case viaggi ferie mare soldi prestiti scambio turismo auto euro salute malattie prestiti sesso sex alberghi hotel donna donne ragazza

ragazze ragazzi uomini roma firenze venezia cagliari foggia napoli milano veneto bologna emilia romagna rimini san marino liguria valle d'aosta piemonte CHATTARE SINGLE italia

 
   

 

   
quesito

 
Nuovo Argomento   Rispondi    Indice del Forum -> PERSONALE IN QUIESCENZA
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
altamura27



Registrato: 01/09/07 19:04
Messaggi: 108
Residenza: Puglia

MessaggioInviato: Gio Set 04, 2008 9:33 am    Oggetto: quesito Rispondi Citando

Chi sa spiegare cosa vuol dire quello che riporto, dovrebbero rifare i calcoli pensionistici??

L'aliquota da applicare all'anzianità maturata fino al 31 dicembre 1997 (servizio effettivo più maggiorazioni e riscatti) è stabilita dall'articolo 54 del TU di cui al DPR n. 1092/1973. Per l'anzianità maturata dal 1° gennaio 1998, in base all'articolo 8 del DLgs n. 165/1997, l'aliquota è di due punti per ogni anno di anzianità contributiva (servizio effettivo più maggiorazioni e riscatti).

Chi sostiene cose diverse dovrebbe indicare la disposizione di legge che lo stabilisce. Se poi si tratta di un'Amministrazione pubblica, ha l'obbligo di fornire la fonte normativa.

Per stabilire quando raggiungerà l'80 per cento, deve sommare l'aliquota maturata al 31 dicembre 1997 (determinata in applicazione dell'articolo 54 del TU) all'aliquota maturata per l'anzianità contributiva acquisita dal 1° gennaio 1998: ogni punto che manca a 80 corrisponde ad altri sei mesi di contribuzione da perfezionare.

dovrebbero rifare i conteggi di pensione?????
Top
Profilo Invia Messaggio Privato Indirizzo AIM
corry



Registrato: 24/04/08 15:16
Messaggi: 69

MessaggioInviato: Gio Set 04, 2008 12:23 pm    Oggetto: Re: quesito Rispondi Citando

altamura27 ha scritto:
Chi sa spiegare cosa vuol dire quello che riporto, dovrebbero rifare i calcoli pensionistici??

L'aliquota da applicare all'anzianità maturata fino al 31 dicembre 1997 (servizio effettivo più maggiorazioni e riscatti) è stabilita dall'articolo 54 del TU di cui al DPR n. 1092/1973. Per l'anzianità maturata dal 1° gennaio 1998, in base all'articolo 8 del DLgs n. 165/1997, l'aliquota è di due punti per ogni anno di anzianità contributiva (servizio effettivo più maggiorazioni e riscatti).

Chi sostiene cose diverse dovrebbe indicare la disposizione di legge che lo stabilisce. Se poi si tratta di un'Amministrazione pubblica, ha l'obbligo di fornire la fonte normativa.

Per stabilire quando raggiungerà l'80 per cento, deve sommare l'aliquota maturata al 31 dicembre 1997 (determinata in applicazione dell'articolo 54 del TU) all'aliquota maturata per l'anzianità contributiva acquisita dal 1° gennaio 1998: ogni punto che manca a 80 corrisponde ad altri sei mesi di contribuzione da perfezionare.

dovrebbero rifare i conteggi di pensione?????

Significa che l'anzianità contributiva acquisita al 31/12/97 stabilisce la percentuale che come da tabella attribuisce il 44% fino a vent'anni di contributi maturati(compreso i riscatti e gli anni di abbuono),da 21° anno si deve sommare il 3.60%.Es. anni di servizio utili 25 al 31.12.97 =62%
dal 01.01.98 ogni anno di servizio viene valutato il 2%.
Spero di essere stato chiaro.
Corry
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
altamura27



Registrato: 01/09/07 19:04
Messaggi: 108
Residenza: Puglia

MessaggioInviato: Gio Set 04, 2008 5:40 pm    Oggetto: Rispondi Citando

Corry Ti ringrazio della tua disponibilità, e pertanto approfitto nell'approfondire la problematica

Ma il 3.60%, non è calcolato alle forze di polizia????
Per le forze armate??
esempio, arruolato gennaio 1973, riformato aprile 2002, pertanto al primo gennaio 1 gennaio 1997, sono pari a 24 anni di servizio + anni 4 di riscatto mi dici che percentuale dovrebbero calcolare nella quota "A" E QUELLA DELLA QUOTA "B"
In quanto dai decreti emessi i calcoli sono molto diversi
Quota "A" HANNO CALCOLATO, il 49.75% al 31.12.1993.
non capisco l'altro calcolo effettuato dal 1993 al 1995.
Quota "B" DAL 1995 AL 2002,
IL TUTTO quota "A" + QUOTA "B" AL 72.50%
dOVREBBERO RIFARE I CONTI PENSIONISTICI???????
Top
Profilo Invia Messaggio Privato Indirizzo AIM
corry



Registrato: 24/04/08 15:16
Messaggi: 69

MessaggioInviato: Ven Set 05, 2008 12:35 pm    Oggetto: Rispondi Citando

altamura27 ha scritto:
Corry Ti ringrazio della tua disponibilità, e pertanto approfitto nell'approfondire la problematica

Ma il 3.60%, non è calcolato alle forze di polizia????
Per le forze armate??
esempio, arruolato gennaio 1973, riformato aprile 2002, pertanto al primo gennaio 1 gennaio 1997, sono pari a 24 anni di servizio + anni 4 di riscatto mi dici che percentuale dovrebbero calcolare nella quota "A" E QUELLA DELLA QUOTA "B"
In quanto dai decreti emessi i calcoli sono molto diversi
Quota "A" HANNO CALCOLATO, il 49.75% al 31.12.1993.
non capisco l'altro calcolo effettuato dal 1993 al 1995.
Quota "B" DAL 1995 AL 2002,
IL TUTTO quota "A" + QUOTA "B" AL 72.50%
dOVREBBERO RIFARE I CONTI PENSIONISTICI???????


PENSIONE: Il rendimento massimo per il poliziotto,
un quesito che può interessare molti colleghi.
Per organizzare l’attività futura dell’ufficio in cui presto servizio (affiancamento del personale) avrei la
necessità di conoscere con largo anticipo la data in cui raggiungerò il rendimento massimo (80 per cento)
per l’accesso alla pensione di anzianità per militari e forze di Polizia stabilito dall’art. 6, comma 2, del
DLgs n. 165/1997. All’uopo faccio presente che: sono nato il 26 agosto 1955; ho svolto il servizio militare
di leva dal 17 gennaio 1975 al 16 febbraio 1976 (13 mesi già riconosciuti dall’INPDAP); sono stato
arruolato nella Guardia di Finanza il 1° ottobre 1980. Faccio presente altresì che, per gli aumenti
figurativi relativi ai servizi operativi e per gli aumenti di valutazione per i servizi di confine (di cui
all’articolo 5 del DLgs n. 165/1997), mi sono stati riconosciuti 71 mesi di maggiore anzianità
relativamente ai servizi svolti fino al 31 dicembre 1997.
(Lettera firmata)
Occorre, innanzitutto, avere presente che, in base all’articolo 7, comma 3, del DLgs n. 165/1997, i 71
mesi di maggiore anzianità, riconosciuti per i servizi prestati fino alla data del 31 dicembre 1997, non
possono essere ulteriormente aumentati.
Poiché, ai sensi dell’articolo 6, comma 2, del DLgs n. 165/1997, per il diritto alla pensione di anzianità
occorre aver compiuto il 53° anno di età, Lei non potrà avere la pensione prima del 27 agosto 2008.
Per determinare l’aliquota di calcolo che avrà maturato alla data del 26 agosto 2008 (quando compirà il
53° anno di età) occorre determinare separatamente l’aliquota relativa all’anzianità contributiva maturata
alla data del 31 dicembre 1997 - applicando quanto dispone l’articolo 54 del TU di cui al DPR n.
1092/1973 - e l’aliquota relativa all’anzianità contributiva maturata dal 1° gennaio 1998 a 26 agosto
2008 (corrispondente al 2 per cento per ogni anno di anzianità contributiva come stabilisce l’articolo 17,
comma 1, della legge n. 724/1994 [1], esteso alla normativa dei militari con l’articolo 8 del DLgs n.
165/1997).
Alla data del 31 dicembre 1997 Lei può far valere: 17 anni e 3 mesi di servizio effettivo; 1 anno e 1 mese
di servizio militare; 5 anni e 11 mesi di maggiorazioni, per un totale di 24 anni e 3 mesi di anzianità
contributiva alla quale corrisponde l’aliquota del 59,30 per cento {44+(3,6x4)+[(3,6/12)x3]}=59,30
Dal 1° gennaio 1998 al 31 agosto 2008 intercorrono 10 anni e 8 mesi ai quali corrisponde l’aliquota del
21,33 per cento {(2x10)+[(2/12)x8]}=21,33.
Quindi, alla data del 26 agosto 2008 maturerà l’aliquota dell’80,63 per cento (59,30+21,33=80,63).
Pertanto, in base alla normativa ora vigente (articolo 6, comma 2, del DLgs n. 165/1997), con effetto
dalla data del 27 agosto 2008 (V. il punto 3.2.1 della Circolare INPDAP n. 6/2005) Lei potrà accedere alla
pensione di anzianità previa risoluzione del rapporto di lavoro.
Tuttavia, riteniamo doverle consigliare di mantenersi informato in quanto non sono da escludere
modifiche prima della fine del corrente anno.
Per quanto riguarda la ripartizine della percentuale delle ue quote la procedura è molto complessa.
Corry
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
tino1959



Registrato: 15/12/07 06:24
Messaggi: 16

MessaggioInviato: Ven Set 05, 2008 4:04 pm    Oggetto: calcolo delle aliquote di pensionabilità in quota "A&qu Rispondi Citando

PER ALTAMURA27

Sono un 1° Mar.Lgt. EI. Rispondo al tuo quesito.
Innanzitutto voglio precisarti che la quota "A" di pensione comprende l'anzianità contributiva maturata dalla data di arruolamento/assunzione al 31 dicembre 1992 e non 1993. Mentre la quota "B" comprende il periodo dal 1° gennaio 1993 alla data di cessazione.
Se nel calcolo della quota "A" il tuo Ente ti ha attribuito l'aliquota del 49,75% significa che al 31.12.1992 hai maturato un anzianità contributiva (servizio utile a pensione) pari ad anni 22, mesi 6 e giorni 19.
L'aliquota del 49,75% scaturisce dal seguente conteggio:
- fino a 20 anni l'aliquota è pari al 44,00%
- per i 2 anni successivi è pari al 4,50% ( 2,25% annuo per 2);
- per i 6 mesi è pari all' 1,13% ( 2,25% diviso 12 x 6 mesi );
- per i 19 giorni è pari allo 0,12%.
Quindi 49,75% è dato dalla sommatoria di : 44,00 + 4,50 + 1,13+ 0,12
^^^^^^^^^^
Se il totale delle quote "A" + "B" che ti hanno attribuito è pari a 72,50% significa che la quota "B" è pari al 22,75%.
L'aliquota del 22,75% corrisponde ad un'anzianità contributiva pari ad anni 11, mesi 1 e giorni 20 così suddivisi:
- anni 6 ( 5 effettivi + 1 in aumento ) per il periodo dal 01.01.1993 al 31.12.1995 = anni 6 x 2,25% = 13,50%;
- anni 5, mesi 01 e giorni 20 per il periodo dal 01.01.98 alla data di cessazione pari ad un'aliquota del 9,25% così determinata:
anni 5 x 1,80% = 9,00% ( N.B. Dal 1° gennaio 98 l'aliquota è scesa all'1,80%);
mesi 1 = 0,15% ( 1,80% diviso 12 x 1);
giorni 20 = 0,10% (1,80%/360* 20).
Riepilogo quota "B":
- 13,50 fino al 31.12.1997 + 9,25% ( 9,00+01,5+0,10) per il periodo 98- 2002 = 22,75%.
Nella speranza di essere stato di aiuto, ti porgo cordiali saluti.
N.B. Se mi fai sapere con esattezza le date precise ti posso fare una situazione più precisa e dettagliata.

-
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
corry



Registrato: 24/04/08 15:16
Messaggi: 69

MessaggioInviato: Mer Set 17, 2008 5:06 pm    Oggetto: Re: calcolo delle aliquote di pensionabilità in quota " Rispondi Citando

tino1959 ha scritto:
PER ALTAMURA27

Sono un 1° Mar.Lgt. EI. Rispondo al tuo quesito.
Innanzitutto voglio precisarti che la quota "A" di pensione comprende l'anzianità contributiva maturata dalla data di arruolamento/assunzione al 31 dicembre 1992 e non 1993. Mentre la quota "B" comprende il periodo dal 1° gennaio 1993 alla data di cessazione.
Se nel calcolo della quota "A" il tuo Ente ti ha attribuito l'aliquota del 49,75% significa che al 31.12.1992 hai maturato un anzianità contributiva (servizio utile a pensione) pari ad anni 22, mesi 6 e giorni 19.
L'aliquota del 49,75% scaturisce dal seguente conteggio:
- fino a 20 anni l'aliquota è pari al 44,00%
- per i 2 anni successivi è pari al 4,50% ( 2,25% annuo per 2);
- per i 6 mesi è pari all' 1,13% ( 2,25% diviso 12 x 6 mesi );
- per i 19 giorni è pari allo 0,12%.
Quindi 49,75% è dato dalla sommatoria di : 44,00 + 4,50 + 1,13+ 0,12
^^^^^^^^^^
Se il totale delle quote "A" + "B" che ti hanno attribuito è pari a 72,50% significa che la quota "B" è pari al 22,75%.
L'aliquota del 22,75% corrisponde ad un'anzianità contributiva pari ad anni 11, mesi 1 e giorni 20 così suddivisi:
- anni 6 ( 5 effettivi + 1 in aumento ) per il periodo dal 01.01.1993 al 31.12.1995 = anni 6 x 2,25% = 13,50%;
- anni 5, mesi 01 e giorni 20 per il periodo dal 01.01.98 alla data di cessazione pari ad un'aliquota del 9,25% così determinata:
anni 5 x 1,80% = 9,00% ( N.B. Dal 1° gennaio 98 l'aliquota è scesa all'1,80%);
mesi 1 = 0,15% ( 1,80% diviso 12 x 1);
giorni 20 = 0,10% (1,80%/360* 20).
Riepilogo quota "B":
- 13,50 fino al 31.12.1997 + 9,25% ( 9,00+01,5+0,10) per il periodo 98- 2002 = 22,75%.
Nella speranza di essere stato di aiuto, ti porgo cordiali saluti.
N.B. Se mi fai sapere con esattezza le date precise ti posso fare una situazione più precisa e dettagliata.

-


Nei confronti del personale assunto successivamente alla data di entrata in vigore della 15/12/1990,n. 395 (11 gennaio 1991) e non proveniente, pertanto, dal disciolto Corpo degli agenti di custodia o dal soppresso ruolo delle vigilatrici penitenziarie, per le anzianitàcontributive maturate al 31
dicembre 1997 si applicano le aliquote di rendimento di cui all’articolo 44, comma 1, del DPR n.1092/1973.In particolare, per i primi quindici anni di servizio effettivo si applica l’aliquota del 35 per cento,aumentata di 1,80 per cento per ogni ulteriore anno di servizio utile fino a raggiungere il massimo dell’ottanta per cento.Per le anzianità contributive maturate a partire dal 1° gennaio 1998, avrebbe dovuto trovare applicazione l’aliquota di rendimento del 2 per cento (articolo 17, comma 1, della legge n. 724/1994 [5] e articolo 8 del DLgs n. 165/1997); tuttavia, in virtù di quanto disposto dall’articolo 2, comma19, della legge n. 335/1995 (l’applicazione dell’aliquota del 2 per cento non può comportare un
trattamento superiore a quello che sarebbe spettato in base all’applicazione delle aliquote di rendimento previste dalla normativa vigente), per il personale in esame continua ad essere applicata l’aliquota dell’1,8 per cento.
Art. 54.- Misura del trattamento normale.
La pensione spettante al militare che abbia maturato almeno quindici anni e non più di venti anni di servizio utile è pari al 44 per cento della base pensionabile, salvo quanto disposto nel penultimo comma del presente articolo. La percentuale di cui sopra è aumentata di 1.80 per cento ogni anno di servizio utile oltre il ventesimo.
Per gli ufficiali del servizio permanente che rivestono un grado per il quale sia stabilito, ai fini della cessazione dal servizio, uno dei limiti di età indicati nella tabella n. 1 annessa al presente testo unico si applicano le percentuali di aumento previste nella tabella stessa.
Le percentuali di aumento indicate nella lettera B) della tabella di cui al precedente comma si applicano anche per la liquidazione della pensione dei sottufficiali, siano o non provenienti dal servizio permanente o continuativo, nonché dei carabinieri e dei finanzieri. Per i sottufficiali dell'Esercito, della Marina e dell'Aeronautica del ruolo speciale per
mansioni d'ufficio collocati in congedo prima del compimento del limite di età previsto per la cessazione dal servizio si applica, relativamente al servizio prestato fino alla data di trasferimento in detto ruolo, la percentuale di aumento inerente al grado rivestito a tale data e, relativamente al servizio reso nel ruolo speciale, la percentuale di aumento dell'1,80.

corry
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
NICO58



Registrato: 11/11/08 14:54
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Mar Nov 11, 2008 3:20 pm    Oggetto: Re: calcolo delle aliquote di pensionabilità in quota " Rispondi Citando

Sono un Maresciallo Aiutante della Guardia di Finanza.
Mi sono arruolato nel Corpo in 01/10/1979
Sono nato il 30 Luglio 1958.
Potrò andare in pensione dal 30 luglio 2011, all'età di 53 anni, senza penalizzazioni?
Ho visto che conosci bene la materia e se hai voglia di rispondermi... ti ringrazio sentitamente. :
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
Mostra prima i Messaggi di:   
Nuovo Argomento   Rispondi    Indice del Forum -> PERSONALE IN QUIESCENZA Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere a nessun Argomento
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
FORUM DONNE AMORE SESSO SEXY BLOG  AMICIZIA - RAGAZZE - RAGAZZI - DONNA - FEMMINILE INCONTRI

 

Militari.info - il forum più frequentato dai militari. Iscriviti ora!


 

 


Powered by phpBB Group © 2001 - 2012 phpBB.it
Traduzione Italiana V-0.15 phpBB.it
Il forum www.militari.info è stato creato il 3 ottobre 2005
Risoluzione video ottimizzata: 1024 x 768 e sup.
 

vacanze, viaggi, mare, montagna, hotel, lastminute, lastsecond, offerte viaggi, voli, alberghi