IL PRIMO FORUM DEI MILITARI DELLA POLIZIA  E CARABINIERI vacanze, viaggi, mare, montagna, hotel, lastminute, lastsecond, offerte viaggi, voli, alberghi - PERSONALE MILITARE POLIZIOTTI CARABINIERE DONNE E UOMINI SOLDATI  SOLDATESSE MILITARESSE FORZE ARMATE FORZE DI POLIZIA E PUBBLICO IMPIEGO - WWW.MILITARI.INFO - RUOLO VOLONTARI SERGENTI MARESCIALLI UFFICIALI MARINA ESERCITO AERONAUTICA IMPIEGATI IMPIEGATO IMPIEGATE AMICIZIA SESSO SEXY RAGAZZE RAGAZZI DONNA FEMMINILE INCONTRI INCONTRO CASERME BASI BLOG FORUMS

Indice del Forum

 

 

 

.

WWW.MILITARI.INFO
Il Forum delle Forze Armate e Forze di Polizia

 FAQFAQ   CercaCerca   Lista UtentiLista Utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 PHP121Instant Messenger   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

 

Seguici su Facebook Fan - News - Forze armate - Blog militari - Blog polizia
 

Gli avvicendamenti - Il meteo - Le foresterie - Il mercatino

vacanze, viaggi, mare, montagna, hotel, lastminute, lastsecond, offerte viaggi, voli, alberghi amore amicizia incontri case viaggi ferie mare soldi prestiti scambio turismo auto euro salute malattie prestiti sesso sex alberghi hotel donna donne ragazza

ragazze ragazzi uomini roma firenze venezia cagliari foggia napoli milano veneto bologna emilia romagna rimini san marino liguria valle d'aosta piemonte CHATTARE SINGLE italia

 
   

 

   
Licenza di trasferimento
Vai a 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Argomento   Rispondi    Indice del Forum -> MARESCIALLI
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
toledo



Registrato: 20/06/12 19:41
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Mer Giu 20, 2012 7:50 pm    Oggetto: Licenza di trasferimento Rispondi Citando

Salve a tutti i colleghi, sono stato trasferito, dopo tanti anni di attesa, in un ente vicino a casa.
Per tanti anni ho fatto il pendolare, tra l'abitazione al mio paese dove risiedo con la mia famiglia e l'ente dove prestavo servizio dove avevo una cameretta all'interno della caserma.
Facevo il pendolare il fine settimana e macinavo, tra andata e ritorno, quasi 500 chilometri alla settimana.
In questi giorni chiedo la licenza di trasferimento e mi sento dire che non mi spetta, alla luce della nuova circolare mi si dice che non ne posso usufruire in quanto ero pendolare e non ho spostato un bel niente.

La circolare è questa:
http://www.difesa.it/Segretario-SGD-DNA/DG/PERSOMIL/Concorsi/Concorsi95/Documents/Circolari_varie/Secondo%20reparto/2_5_Circolare_licenza_str_trasf_modificata.pdf

Secondo voi ho diritto ai miei sacrosanti 20 giorni di licenza di trasferimento oppure hanno ragione i miei colleghi?
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
maggioRE



Registrato: 02/03/07 08:15
Messaggi: 366

MessaggioInviato: Gio Giu 21, 2012 7:38 am    Oggetto: Rispondi Citando

...è vero, non ti spetta.
Nel tuo caso (almeno così come hai esposto il problema) viene a mancare il presupposto dell'art. 2 comma c della norma che hai citato.

salvo esigenze particolari.

ciao
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
toledo



Registrato: 20/06/12 19:41
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Gio Giu 21, 2012 11:03 am    Oggetto: Rispondi Citando

maggioRE ha scritto:
...è vero, non ti spetta.
Nel tuo caso (almeno così come hai esposto il problema) viene a mancare il presupposto dell'art. 2 comma c della norma che hai citato.

salvo esigenze particolari.

ciao


La mia situazione è questa:

- prestavo servizio in un ente distante da casa mia, dove risiedevo e risiedo tuttora, più di 200 km;
- ho fatto sempre il pendolare con cadenza settimanale;
- avevo un alloggio collettivo, la classica cameretta, presso il vecchio ente;
- non ho mai spostato la mia residenza nè tantomeno la mia famiglia, nè effettuato alcun trasporto di masserizie;
- al momento del mio trasferimento ho lasciato la cameretta e ho preso servizio nel nuovo ente;
- faccio tuttora il pendolare da casa mia al nuovo ente di assegnazione, solo che essendo distante una trentina di chilomentri posso viaggiare ogni giorno.

Alla luce di quanto da me qui sopra esposto, mi spetterebbe la licenza in questione?
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
maggioRE



Registrato: 02/03/07 08:15
Messaggi: 366

MessaggioInviato: Gio Giu 21, 2012 2:04 pm    Oggetto: Rispondi Citando

No.

cordialità
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
nave IMPAVIDO



Registrato: 15/01/08 16:27
Messaggi: 271
Residenza: PESCARA

MessaggioInviato: Gio Giu 21, 2012 4:11 pm    Oggetto: Rispondi Citando

scusa maggioRE, mettiamo che avesse prestato servizio ad Ancona e abitasse a Pescara, circa 150 Km, pendolare ogni fine settimana, poi viene spedito a Augusta, comunque senza cambiare residenza, la licenza gli speterebbe o no?
_________________
IMPAVIDUM FERIENT RUINE
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
lupoalberto



Registrato: 18/04/10 10:12
Messaggi: 176

MessaggioInviato: Ven Giu 22, 2012 6:52 am    Oggetto: Rispondi Citando

maggioRE ha scritto:
...è vero, non ti spetta.
Nel tuo caso (almeno così come hai esposto il problema) viene a mancare il presupposto dell'art. 2 comma c della norma che hai citato.

salvo esigenze particolari.

ciao


Diciamo che ha esposto male il problema, andare a casa ogni fine settimana non è fare il pendolare, considerato poi che lui aveva anche un alloggio di servizio, di cui probabilmente pagava anche una quota mensile, si può affermare che aveva l'abituale dimora (non la residenza) nel luogo dove prestava servizio, quindi la licenza di trasferimento gli spetta sicuramente, come gli spetta ogni trattamento economico di trasferimento, se il trasferimento non è a domanda.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
maggioRE



Registrato: 02/03/07 08:15
Messaggi: 366

MessaggioInviato: Ven Giu 22, 2012 1:12 pm    Oggetto: Rispondi Citando

nave IMPAVIDO ha scritto:
scusa maggioRE, mettiamo che avesse prestato servizio ad Ancona e abitasse a Pescara, circa 150 Km, pendolare ogni fine settimana, poi viene spedito a Augusta, comunque senza cambiare residenza, la licenza gli speterebbe o no?



deducilo tu, questo il capoverso in questione:

Fermo restando il presupposto del movimento da effettuare in una nuova sede di servizio, si chiarisce che con i termini “trasloco” e “riorganizzazione familiare”si intendono non solo il trasporto materiale di mobili e masserizie e le esigenze di ripristino della normale vita di relazione di più soggetti facenti parte del nucleo familiare, ma anche il semplice cambio di abitazione, con i conseguenti adempimenti di natura anagrafica e materiale che esso comporta. La sussistenza delle esigenze sopra citate è invocabile anche da parte della famiglia mono-componente.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
bandolero



Registrato: 27/02/11 22:31
Messaggi: 342

MessaggioInviato: Ven Giu 22, 2012 4:28 pm    Oggetto: Rispondi Citando

lupoalberto ha scritto:

Diciamo che ha esposto male il problema, andare a casa ogni fine settimana non è fare il pendolare, considerato poi che lui aveva anche un alloggio di servizio, di cui probabilmente pagava anche una quota mensile, si può affermare che aveva l'abituale dimora (non la residenza) nel luogo dove prestava servizio, quindi la licenza di trasferimento gli spetta sicuramente, come gli spetta ogni trattamento economico di trasferimento, se il trasferimento non è a domanda.


Il problema lo ha esposto benissimo nel secondo post. La situazione è limpida come l'acqua di fonte, la licenza non gli spetta.
Andare a casa anche solo il fine settimana è pendolarismo eccome http://it.wikipedia.org/wiki/Pendolarismo il fatto che egli abbia avuto e che pagasse regolarmente un alloggio di servizio non significa nulla, infatti viene spiegato benissimo nell'articolo 2. comma c. della circolare, comma che ha postato qui sopra maggioRe.
Un militare che presta servizio in una determinata base e che alloggia in una cameretta per alcuni giorni alla settimana, mi spieghi che “trasloco” e “riorganizzazione familiare” ha dovuto affrontare? Il comma in argomento lo specifica chiaramente cosa intende con quei termini.
Non ha cambiato alcuna abitazione e non ha effettuato nessun adempimento di natura anagrafica o materiale, i suoi bambini magari hanno continuato ad andare nella scuola del paese di residenza.
Di cosa stiamo parlando? La direttiva è chiarissima e non da adito ad alcun dubbio in merito. E poi cosa vuol dire se il movimento è d'autorità o a domanda? Non cambia nulla, nella direttiva non si accenna a nulla di tutto ciò, per quanto concerne il trattamento economico c'è da dire che esiste anche il movimento d'autorità senza oneri a carico dell'amministrazione......cioè gratis.

Caro lupoalberto, ho l'impressione che tu la circolare in questione non l'abbia letta.
_________________
Oderint dum metuant.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
maggioRE



Registrato: 02/03/07 08:15
Messaggi: 366

MessaggioInviato: Ven Giu 22, 2012 7:36 pm    Oggetto: Rispondi Citando

bandolero ha scritto:

per quanto concerne il trattamento economico c'è da dire che esiste anche il movimento d'autorità senza oneri a carico dell'amministrazione......cioè gratis.




egregio amico, ad un collega interessa il trasferimento a cui accenni. Puoi dirmi di più? hai circolari che lo spiegano?


grazie molte
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
francois



Registrato: 22/09/06 17:21
Messaggi: 50

MessaggioInviato: Ven Giu 22, 2012 11:35 pm    Oggetto: Rispondi Citando

Ma allora cosa si dovrebbe fare "legalmente" per poter usufruire di questa benedetta lic di traferimento ? Spostare la residenza o solo il domicilio con un pò di masserizie diciamo ?
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
pegaso58



Registrato: 28/01/08 22:55
Messaggi: 246

MessaggioInviato: Sab Giu 23, 2012 4:10 pm    Oggetto: Rispondi Citando

Io posso dire la mia, anni fa una soppressione di un Reparto fui trasferito d'autorità a 170 Km di distanza, alloggiavo in caserma con una stanza messami a disposizione dal Comandante e il fine settimana andavo a casa:
-Trasferimento d'Autorità
- Non ho mai cambiato residenza ne tanto meno fatto traslochi.
Conclusione la Licenza non mi spettava in quanto non mi sono trasferito nella nuova sede di lavoro e ne ho fatto alcun trasloco. Dopo tanti anni non penso che sia cambiato qualcosa.
Qualche esperto si faccia avanti Wink
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
bandolero



Registrato: 27/02/11 22:31
Messaggi: 342

MessaggioInviato: Sab Giu 23, 2012 8:35 pm    Oggetto: Rispondi Citando

maggioRE ha scritto:
bandolero ha scritto:

per quanto concerne il trattamento economico c'è da dire che esiste anche il movimento d'autorità senza oneri a carico dell'amministrazione......cioè gratis.




egregio amico, ad un collega interessa il trasferimento a cui accenni. Puoi dirmi di più? hai circolari che lo spiegano?


grazie molte



Il trasferimento senza oneri per l'Amministrazione è una trovata per non sboesare un euro. In sostanza vieni trasferito, anche d'autorità, ma senza oneri a carico dell'Amministrazione, cioè non ti danno un euro.
E' un ricatto, ti dicono che ti accontentano ma devi rinunciare ai soldi. Nonostante tu abbia fatto 10 o 15 anni in una base disagiata e dopo tutto quel tempo riesci ad andare via.......ti ricattano e ti dicono o mangi questa minestra o salti la finestra.

Per quanto riguarda invece l'argomento del tread....è palese che al collega toleda la licenza di trasferimento non spetta.
_________________
Oderint dum metuant.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
lupoalberto



Registrato: 18/04/10 10:12
Messaggi: 176

MessaggioInviato: Lun Giu 25, 2012 2:38 pm    Oggetto: Rispondi Citando

bandolero ha scritto:

Il problema lo ha esposto benissimo nel secondo post. La situazione è limpida come l'acqua di fonte, la licenza non gli spetta.
Andare a casa anche solo il fine settimana è pendolarismo eccome http://it.wikipedia.org/wiki/Pendolarismo il fatto che egli abbia avuto e che pagasse regolarmente un alloggio di servizio non significa nulla, infatti viene spiegato benissimo nell'articolo 2. comma c. della circolare, comma che ha postato qui sopra maggioRe.


Non mi importa cosa dice wikipedia, perché non ti devi dimenticare che noi siamo militari e siamo obbligati a comunicare al Comando dove siamo residenti e dove abbiamo il domicilio, nel caso di pendolarismo giornaliero il domicilio e la residenza coincidono, nel caso in questione no, perché nel caso di toledo, invece no, il domicilio o abituale dimora è dove toledo presta servizio, poi nel fine settimana se libero dal servizio, toledo è libero di allontanarsi di quanti km vuole dal proprio domicilio, andarsene nel luogo dove ha la residenza o qualsiasi altro posto, senza doverlo comunicare al Comando.


bandolero ha scritto:

Un militare che presta servizio in una determinata base e che alloggia in una cameretta per alcuni giorni alla settimana, mi spieghi che “trasloco” e “riorganizzazione familiare” ha dovuto affrontare? Il comma in argomento lo specifica chiaramente cosa intende con quei termini.
Non ha cambiato alcuna abitazione e non ha effettuato nessun adempimento di natura anagrafica o materiale, i suoi bambini magari hanno continuato ad andare nella scuola del paese di residenza.
Di cosa stiamo parlando? La direttiva è chiarissima e non da adito ad alcun dubbio in merito. E poi cosa vuol dire se il movimento è d'autorità o a domanda? Non cambia nulla, nella direttiva non si accenna a nulla di tutto ciò, per quanto concerne il trattamento economico c'è da dire che esiste anche il movimento d'autorità senza oneri a carico dell'amministrazione......cioè gratis.


Quello che dici non ha senso, intanto toledo non alloggia in caserma per alcuni giorni alla settimana, ma per tutti i giorni lavorativi della settimana, poi la concessione della licenza di trasferimento non è subordinata a nessuna delle cose che dici, ma solo al cambio sede con un comune diverso e lo stesso vale anche per tutto il trattamento economico connesso al trasferimento, solo se si richiede la liquidazione della seconda metà dell'indennità di trasferimento e seconda metà della prima sistemazione, l'interessato deve produrre documentazione che attesti di avere trasferito la propria famiglia, per esempio il militare tarantino che viene trasferito a la spezia, ma che non trasferisce la famiglia e nel nuovo comando si prende un alloggio asc, all'atto del trasferimento ha diritto alla licenza di trasferimento, alla prima sistemazione e indennità di trasferimento e alla legge 86.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
bandolero



Registrato: 27/02/11 22:31
Messaggi: 342

MessaggioInviato: Lun Giu 25, 2012 7:56 pm    Oggetto: Rispondi Citando

lupoalberto ha scritto:


Non mi importa cosa dice wikipedia, perché non ti devi dimenticare che noi siamo militari e siamo obbligati a comunicare al Comando dove siamo residenti e dove abbiamo il domicilio, nel caso di pendolarismo giornaliero il domicilio e la residenza coincidono, nel caso in questione no, perché nel caso di toledo, invece no, il domicilio o abituale dimora è dove toledo presta servizio, poi nel fine settimana se libero dal servizio, toledo è libero di allontanarsi di quanti km vuole dal proprio domicilio, andarsene nel luogo dove ha la residenza o qualsiasi altro posto, senza doverlo comunicare al Comando.


Quello che dici non ha senso, intanto toledo non alloggia in caserma per alcuni giorni alla settimana, ma per tutti i giorni lavorativi della settimana, poi la concessione della licenza di trasferimento non è subordinata a nessuna delle cose che dici, ma solo al cambio sede con un comune diverso e lo stesso vale anche per tutto il trattamento economico connesso al trasferimento, solo se si richiede la liquidazione della seconda metà dell'indennità di trasferimento e seconda metà della prima sistemazione, l'interessato deve produrre documentazione che attesti di avere trasferito la propria famiglia, per esempio il militare tarantino che viene trasferito a la spezia, ma che non trasferisce la famiglia e nel nuovo comando si prende un alloggio asc, all'atto del trasferimento ha diritto alla licenza di trasferimento, alla prima sistemazione e indennità di trasferimento e alla legge 86.


Solo due cose:

1) ho la conferma che non hai letto la direttiva in argomento, nel modo più assoluto. Visto quello che hai scritto non solo non l'hai letta, ma non sai nemmeno di cosa tratta.
2) nell'improbabile caso che tu abbia letto la direttiva in questione, sapresti dirmi a chi è rivolta? In sostanza, secondo te, a chi non spetterebbe la licenza di trasferimento?

Eppure la direttiva è chiarissima e lapalissiana, non dà adito al minimo dubbio e nel caso del collega toledo, mi dispiace veramente, non gli spetta alcuna licenza di trasferimento.
_________________
Oderint dum metuant.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
SWAIS



Registrato: 20/06/12 15:50
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Mer Giu 27, 2012 9:54 am    Oggetto: Rispondi Citando

Quoto Bandolero
anche io sono dell'idea che non spetti, del resto l'ultima direttiva spiega chiaramente, anche con esempi, i casi in cui spetta e in cui no.
Top
Profilo Invia Messaggio Privato
Mostra prima i Messaggi di:   
Nuovo Argomento   Rispondi    Indice del Forum -> MARESCIALLI Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere a nessun Argomento
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
FORUM DONNE AMORE SESSO SEXY BLOG  AMICIZIA - RAGAZZE - RAGAZZI - DONNA - FEMMINILE INCONTRI

 

Militari.info - il forum più frequentato dai militari. Iscriviti ora!


 

 


Powered by phpBB Group © 2001 - 2012 phpBB.it
Traduzione Italiana V-0.15 phpBB.it
Il forum www.militari.info è stato creato il 3 ottobre 2005
Risoluzione video ottimizzata: 1024 x 768 e sup.
 

vacanze, viaggi, mare, montagna, hotel, lastminute, lastsecond, offerte viaggi, voli, alberghi